Laureata in lettere nel 1944 all'Università Statale di Milano (tesi su Maurice Barrès), lavorò presso la casa editrice Longanesi, traducendo opere dall'inglese e dal francese ed assumendo poi la responsabilità dei diritti esteri. In occasione della traduzione di un testo di François-Régis Bastide sui ritratti zodiacali, si risvegliò in lei una notevole curiosità per l'astrologia, materia che era estranea ai suoi percorsi culturali. Approfondendo questa forma di conoscenza, e avvalendosi di amici "cavie" eccellenti (in gran parte letterati quali Eugenio Montale, Gabriel García Márquez, Dino Buzzati, Guido Piovene, Mario Vargas Llosa, dai quali fu esortata a pubblicare le sue osservazioni) giunse ad un livello di conoscenza della materia che le impose di scoprire il perché del funzionamento di quei meccanismi zodiacali che andava dipanando.  

Si susseguirono una serie impressionante di scoperte fondamentali, determinate dal non accettare i precetti fideistici e fumosi proposti dalla astrologia tradizionale in voga, ricercando invece quei meccanismi zodiacali (reali e scientifici) sottostanti in ogni fenomeno.

Analizzando cosa consentisse all'astrologia di funzionare, Lisa Morpurgo giunse tra l'altro a:

    - individuare la necessità logica della presenza di 2 pianeti (X e Y) posti oltre Plutone;

    - decifrare la completa struttura del nostro Zodiaco;

    - dedurre le esaltazioni planetarie "per trasparenza", in quanto derivate da un altro Zodiaco;

    - decodificare i sistemi zodiacali A e B, formati da maschile/femminile, con le definitive 4 sequenze numerico-zodiacali.

Il tutto accompagnato da geniali osservazioni e deduzioni.



Si realizzò la cosiddetta “astrologia morpurghiana” o "dialettica" basata su criteri scientifici e moderni, in un sistema completo e approfondito di analisi e interpretazione degli elementi zodiacali.

Tale sistema, agganciando i singoli temi natali alla decifrazione complessiva della struttura schematica sovrastante (lo Zodiaco), creò approfondimenti e arricchimenti delle simbologie tali da consentire livelli di analisi prima impensabili.

Lisa Morpurgo ha rivoluzionato l'astrologia come era fino ad allora intesa, aprendo una nuova strada per ricerche condotte con metodo serio e rigoroso, e fondando una propria scuola, sia con lezioni impartite direttamente, che attraverso l'importanza assunta dai suoi testi, riferimenti cardine per pubblico e astrologi.

In sintesi, si può affermare che Lisa Morpurgo è giunta alla decifrazione completa dello Zodiaco sulla base di principi logici, ferrei e geometrici, individuandone tutte le componenti e decodificando ciò che si cela dentro al meccanismo, in sostanza quel codice interpretativo della realtà che, con i diversi sistemi zodiacali A e B, ognuno con i propri specifici Zodiaci maschile e femminile, completa il quadro di una autentica cosmogonia.

Soncino 19.5.1923 –  Milano 9.3.1998